Cerca
  • Redazione

Il mondo nascosto delle lampadine

Come faccio a scegliere la lampadina giusta? Quanta luce emette una lampadina? Perché il costo di alcune lampadine è minore del costo di altre?


Queste sono solo alcune delle infinite domande che ci poniamo quando vogliamo cambiare casa e allo stesso tempo risparmiare il più possibile. Ma il risparmio di denaro va d’accordo con la qualità di un prodotto? Riusciremo a rispondere a queste domande dopo aver chiarito una serie di punti.


Lampadina ad incandescenza bandita



Dopo l’invenzione di Thomas Edison con il susseguirsi del tempo, come per la maggior parte delle nuove invenzioni, la lampadina si è evoluta. Con una minore emissione di CO2 , un'efficienza luminosa migliore ed un consumo di energia ridotto nascono: le lampadine alogene, fluorescenti compatte (Lfc) e a Led.

Nel bulbo delle lampadine ad alogeni viene introdotto un gas alogeno che solitamente è Bromo o Iodio ed il filamento di questa lampadina garantisce una temperatura di 3000K ed oltre. Il problema di questa lampadina risiede nel fatto che la quantità di spreco è maggiore della quantità di luce emessa.

Le lampadine fluorescenti compatte sono costituite da un tubo rivestito con polvere fluorescente all'interno del quale vengono introdotti gas nobili e piccole quantità di mercurio in cui si individua il problema poiché è una sostanza nociva.

Infine vi sono le lampadine a Led che sono quelle con il maggior numero di pregi: si accendono immediatamente, durano molto, non producono calore, hanno una forma compatta ma soprattutto consumano fino all'80% in meno rispetto a quelle alogene e fino 3 volte a quelle fluorescenti.

Il costo delle lampadine a Led è maggiore rispetto al costo delle altre lampadine ed il motivo è evidente: garantiscono un buon “lavoro”.


Come faccio a sapere quanto è efficiente una lampadina?

Per saperlo non bisogna avere alle proprie spalle anni e anni di studio, basta consultare la nuova etichetta energetica delle lampadine che si trova su ogni confezione. L'etichetta mostra una scala che va dalla classe di efficienza maggiore A++ a quella di efficienza minore E.




Non facciamoci ingannare dalla resa cromatica di una lampadina!

L'Indice di Resa Cromatica (IRC) è la misura che ci aiuta a capire quanto una sorgente luminosa sia in grado di far apparire i colori naturali degli oggetti che illumina.

Se una lampadina ha una resa cromatica da 90 in su questa lampadina è raccomandabile per musei, ospedali e case in quanto rappresenta l'eccellenza. se invece una lampadina ha l'IRC tra 80 e 90 è raccomandabile per uffici e scuole dato che ha una resa accettabile.

non-ballasted Led lamp: lampadine progettate per funzionare con un alimentatore esterno corrente costante.



Possibili problematiche con le lampadine a Led


· Non tutte le lampade a Led sono adatte al funzionamento di alta frequenza

· Se si crea una potenza assorbita al di sotto della soglia minima si possono creare anomalie nel funzionamento (es. la non accensione)


Dove si buttano le lampadine?

Quasi tutte le lampadine possono essere riciclate. Quando le lampadine non si possono più utilizzare vengono definite RAEE (Rifiuti Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche).

i RAEE sono suddivisi in cinque gruppi e le sorgenti luminose fanno parte del quinto gruppo.


Esistono appositi contenitori adatti per le lampadine a contenuto nocivo e le lampadine fluorescenti e a Led devono essere portate agli appositi centri di raccolta, se non si sa che cosa fare bisogna guardare la confezione su cui è riportato il simbolo di un cassonetto barrato che indica che la lampadina deve essere smaltita separatamente portandola su un isola ecologica.

Per riutilizzare le lampadine ci sono anche idee originali per abbellire la propria casa!




Cosa bisogna fare se si rompe accidentalmente una lampadina?

Bisogna aprire le finestre e lasciarle aperte per circa 10-15 minuti e spegnere gli impianti di condizionamento, é consigliabile seguire questo suggerimento poiché l'esposizione al mercurio e ad altri vapori tossici possono avere un impatto sulla salute.


Nuove tecnologie Coltivazione indoor



Grazie alle nuove tecnologie ora è possibile coltivare le piante utilizzando delle lampade particolari, infatti le piante per crescere hanno bisogno di lampade in grado di emettere frequenze del rosso e del blu: la luce rossa stimola la crescita vegetativa mentre la luce blu attiva la fotosintesi clorofilliana.



Autrice: Elisa Maestroni

31 visualizzazioni0 commenti